Awards, Azerbaijan, Baku, Baku-Tbilisi-Ceyhan Pipeline, Energy, Georgia, National Geographic, Politics, Tearsheets, Turkey

National Geographic Italia website publishes Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC) “Un bagno di petrolio”

Un bagno di petrolio
National Geographic Italia
20 giugno 2011 (June 20, 2011)

Dall’Azerbaigian alla Turchia, passando per la Georgia. L’oleodotto BTC porta verso occidente non solo il greggio. Un fotoracconto tra i popoli e i contrasti del Caucaso lungo la strada del petrolio che fu al centro della scacchiera geopolitica della regione

fotografie di Amanda Rivkin

Immersi nel petrolio
Fotografia di Amanda Rivkin

 

 

L’Azerbaigian è noto fin dai tempi di Marco Polo per le sue sorgenti di olio nero. Ha riserve per 1,2 miliardi di barili di greggio. Marianne Lavelle con le sue foto segue il percorso dell’oleodotto BTC (Baku, Tbilisi, Cehuyan) non solo un’enorme infrastruttura energetica, ma un caso geopolitico tra paesi e culture secolari. Vedi su Limes la carta del percorso del BTC. Leggi anche sul blog MappaMundi

Nella foto, Quliyev Jeyyub si rilassa con un bagno nel greggio nella rinomata casa di cura Naftalan, 360 chilometri a ovest di Baku.

La Spa petrolifera, costruita nel 1926, è uno dei diversi centri che promuovono le qualità terapeutiche del petrolio.

Gli ospiti sperano di alleviare i dolori alle articolazioni, ringiovanire la pelle e migliorare il metabolismo, con questi bagni nel caldo, denso, liquido nero.

Sono permessi però solo 10 minuti di immersioni, prima che gli assistenti li facciano uscire e avviare alle docce.